Coronavirus, insieme da 82 anni: marito e moglie muoiono a distanza di una settimana

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 Aprile 2020 18:57 | Ultimo aggiornamento: 26 Aprile 2020 18:57
Coronavirus, Ansa

Coronavirus, insieme da 82 anni: marito e moglie muoiono a distanza di una settimana (foto d’archivio Ansa)

ROMA – Dopo 82 anni passati insieme sono morti a distanza di una settimana l’uno dall’altro, entrambi a causa del coronavirus:

questa è la triste storia di due anziani coniugi di Torchiarolo (siamo in provincia di Brindisi).

Coniugi che avevano entrambi 93 anni.

La vicenda è stata raccontata dai parenti su Facebook.

Lui, Crocefisso Miglietta era morto il 16 aprile al Dea di Lecce.

Aveva subito diversi ricoveri per altre patologie prima di essere infettato dal Covid 19.

Erano poi risultate positive la moglie la figlia.

Lei, Cosima Serinelli, è morta il 24 aprile all’ospedale Perrino.

Crocefisso e Cosima erano stati insieme per una vita: prima 12 anni di fidanzamento, poi 70 di matrimonio.

80 anni di matrimonio festeggiati insieme al resto della famiglia e immortalati in una foto ricordo che sta ora facendo il giro dei social, insieme alla loro storia commovente. (Fonte: Ansa, Facebook).

Coronavirus, il bollettino del 26 aprile: 260 morti (numero più basso dal 15 marzo). Tornano ad aumentare le persone attualmente positive

Dopo cinque giorni di seguito si ferma il calo dei malati per coronavirus.

Gli attualmente positivi, infatti, sono 106.103. 256 in più rispetto a sabato 25 aprile.

Sabato c’era stato un calo di 680 malati. 

Si ferma il calo di malati ma diminuisce il numero di nuove vittime.

Sono salite a 26.644 le vittime, con un incremento di 260 in un giorno.

Si tratta del dato più basso registrato da oltre 40 giorni: il 15 marzo, infatti, ci furono 368 morti in 24 ore mentre il giorno prima se ne registrarono 175.

Sabato l’aumento era stato di 415. 

Sono 64.928 i guariti, con un incremento rispetto a ieri di 1.808. L’aumento di sabato era stato di 2.622.

Il numero dei contagiati totali – compresi morti e guariti – è di 197.675, con un incremento rispetto a sabato di 2.324. (Fonte: Protezione Civile)