Coronavirus, Iss: “Servono misure per chi viola quarantena. Non è una bravata”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 6 Marzo 2020 19:06 | Ultimo aggiornamento: 6 Marzo 2020 19:07
Coronavirus, Iss: "Misure per chi viola quarantena. Non è una bravata"

Coronavirus, Iss: “Misure per chi viola quarantena. Non è una bravata” (foto ANSA)

ROMA – “Le persone che sono in quarantena non devono andare in luoghi pubblici. Non è una bravata, non è una ragazzata, stiamo studiando eventuali conseguenze per un atto di questo tipo”. Così il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss) Silvio Brusaferro ha risposto a chi gli chiedeva un commento alle notizie di diverse ‘fughe‘ o violazioni delle misure disposte. “Io sono un medico, non un giurista – ha detto successivamente – non spetta a me dire quali siano le misure giuste, basterebbe il buon senso. Ma non è possibile che non si rispettino le indicazioni”. 

“E’ molto importante l’atteggiamento delle persone, il nostro comportamento nella gestione e nella prevenzione. Faccio un appello alla consapevolezza: non significa che bisogna barricarsi in casa, ma sapere che adottando certe misure facciamo il bene nostro e delle persone che ci stanno intorno” ha detto inoltre Brusaferro all’ANSA.

“E’ molto importante che noi siamo un Paese pilota; come vedete dai dati, anche europei, altri Paesi sono in una fase della curva epidemica più precoce rispetto a quella che viviamo noi, ma è uno scenario che dovremo prepararci ad affrontare come uno scenario europeo” ha aggiunto Brusaferro.

Infine sulla possibilità che la Lombardia possa diventare una zona rossa, il presidente dell’Iss non ha escluso l’ipotesi: “La Lombardia è un’area particolare, c’è un incremento particolare in aree più che in altre – ha risposto ad una domanda dei cronisti – La Regione ha sottoposto questo tipo di problematica e il comitato tecnico scientifico sta lavorando attentamente per capire se ci sono eventuali provvedimenti da adottare. Siamo in fase di analisi”. (fonte ANSA)