Coronavirus Lombardia, dati in miglioramento: calano indice di contagio e morti

di Alberto Francavilla
Pubblicato il 26 Maggio 2020 17:58 | Ultimo aggiornamento: 26 Maggio 2020 17:59
Coronavirus Lombardia, bollettino 26 maggio dati in miglioramento: calano indice di contagio e morti

Coronavirus Lombardia, dati in miglioramento: calano indice di contagio e morti (Foto da Facebook)

ROMA – Lombardia, bollettino Coronavirus di martedì 26 maggio: in calo l’indice di contagio, e anche i morti calano a 22 (rispetto ai 34 del giorno prima).

L’indice di contagio in Lombardia è sceso all’1.7% contro il 2.6% del 25 maggio: i nuovi positivi in regione sono 159 per un totale di 87.417, con 9.176 tamponi. Ieri c’erano stati 148 nuovi positivi con 5.641 tamponi.

Ancora basso il numero dei nuovi decessi (22) per un totale di 15.896 morti in regione. Calano ancora i ricoveri sia in terapia intensiva (183, -13) che negli altri reparti (3.622, -99). Sono i dati resi noti dalla Regione Lombardia.

Coronavirus Lombardia: i dati delle singole città

Cala il numero dei nuovi positivi al Coronavirus in tutte le 12 province della Lombardia, a Monza e Lecco non si sono registrati nuovi casi. A Milano sono 38 (per un totale di 22.764 contagiati) di cui 14 in città (totali 9.638). A Bergamo 23, a Brescia 10, a Pavia 23, a Como 25 e 6 a Lodi. Questi sono i dati con 9.176 tamponi processati.

Boccia e Fontana: “Aspettiamo per gli spostamenti”

In merito agli eventuali spostamenti extraregionali, “in termini generali si è ritenuto opportuno attendere quantomeno il flusso dei dati fino a giovedì per effettuare valutazioni più circostanziate”. È quanto si legge nella nota congiunta del ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia e del presidente della Regione Attilio Fontana, diffusa al termine dell’incontro che si è tenuto a Palazzo Lombardia.

L’incontro è stato definito da entrambi “utile e positivo”. “Ci siamo confrontati in termini di carattere generale, sulla situazione della Lombardia e dell’intero Paese – spiegano Boccia e Fontana – e abbiamo condiviso quanto sia importante non abbassare la guardia. Gli sforzi compiuti dai lombardi e dagli italiani sono stati grandi e non possono essere vanificati”.

Fontana: “Non ci possiamo permettere imprudenze”

“Non possiamo e non dobbiamo permetterci comportamenti imprudenti che rischiano di vanificare il lavoro che è stato fatto, la grande determinazione della maggior parte dei cittadini lombardi che hanno accettato di subire limitazioni della loro libertà”: è quanto ha detto il presidente della Lombardia Attilio Fontana nel corso di una diretta Facebook.
“Non possiamo sprecare il sacrificio fatto per atti assolutamente imprudenti – ha aggiunto – Rimaniamo attenti e concentrati e facciamo in modo che questa battaglia finisca definitivamente a nostro favore”. (Fonte Ansa)