Coronavirus, Galli: “Cauto ottimismo su calo contagi, ricaduta sarebbe peggio”

di redazione Blitz
Pubblicato il 9 Aprile 2020 11:07 | Ultimo aggiornamento: 9 Aprile 2020 11:07
Coronavirus, Galli: "Cauto ottimismo su calo contagi, ricaduta sarebbe peggio"

Coronavirus, Galli: “Cauto ottimismo su calo contagi, ricaduta sarebbe peggio”

ROMA – “I segnali di diminuzione del contagio ci sono, teniamoceli cari e stretti sperando che si confermino”. Così Massimo Galli, direttore del Dipartimento di Malattie Infettive dell’ospedale Sacco di Milano, invita a un “cauto ottimismo” rispetto a scenari di fine emergenza coronavirus.

Ai microfoni di Circo Massimo su Radio Capital, il professor Galli ammette: “È chiaro che la chiusura è un danno dal punto di vista economico da cui il Paese potrebbe fare fatica a riprendersi e che dobbiamo cercare di fare in modo di favorire al massimo la possibilità di una ripresa, ma farlo in modo eccessivamente anticipato sarebbe un danno ancora maggiore, rischieremmo di ricadere e la ricaduta diventerebbe pesantissima da gestire. Al cauto ottimismo va aggiunta la cautela sui tempi e sui modi di una possibile ripresa, che va programmata”.

“Programmare è virtuoso, necessario e utile – aggiunge l’infettivologo – avremo bisogno di un potenziamento della diagnostiche per poter programmare una ripresa graduale e valida. Dovremo avere informazioni maggiori rispetto alla situazione di molte persone che magari saranno tra le prime da inviare di nuovo all’attività lavorativa. Le metodologie per la ripresa non vanno pensate nelle prossime settimane, vanno pensate ora, e devono avere lo spazio per essere applicate ora e non chissà quando”.

Per quanto riguarda i tamponi, “quello che possiamo avere nel tempo breve è ancora insufficiente, credo che occorra uno sforzo maggiore. I test sierologici sono un tipo di strumento che dovremo usare senza se e senza ma, anche perché non abbiamo grandi alternative – spiega Galli – attenzione però, non sarà tanto facile averli in abbondanza, perché chi li produce, cioè la Cina, ha preso delle cautele che hanno ritardato l’arrivo di questi test in giro per il mondo, dove più o meno tutti si stanno dando da fare per poterseli accaparrare”.

Poi ci sono sforzi per la produzione di “altre opportunità, alcune interessanti italiane sulla misurazione degli anticorpi sul sangue venoso. Tutto questo dovrà essere considerato e integrato in programmi che ci consentono di valutare per alcune situazioni lo stato delle persone e la possibilità della loro reimmissione nell’attività lavorativa”.

Questo modello di applicazione dei test sierologici e tamponi più diffusi sarà adottato in maniera diversa Regione per Regione o avrà uno standard nazionale? “Quello che posso fare è il mestiere del ricercatore e cercare di proporre modelli. Se poi le decisioni saranno univoche, molteplici o ci saranno modalità diverse francamente non spetta a me dirlo”, conclude Galli. (Fonte: Circo Massimo)