Coronavirus, morto dipendente Ama. Non lavorava dal 10 marzo

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 Aprile 2020 14:16 | Ultimo aggiornamento: 24 Aprile 2020 14:16
Ama, Ansa

Coronavirus, morto dipendente Ama. Non lavorava dal 10 marzo (foto d’archivio Ansa)

ROMA – “Purtroppo questa mattina è deceduto all’ospedale Tor Vergata di Roma A. B., 64 anni, il dipendente di Ama risultato positivo al virus Covid-19 lo scorso mese”.

Lo comunica, in una nota, l’Ama – la società per la raccolta dei rifiuti di Roma – ricordando che l’uomo, ricoverato dal 27 marzo, era assente dall’azienda per malattia da tempo:

l’ultimo giorno in servizio, infatti, risale al 10 marzo scorso.

Il 64enne svolgeva il ruolo di movimentazione interna a supporto dell’officina presso lo stabilimento aziendale di Rocca Cencia.

“Ho appreso poco fa la notizia che un altro nostro collega non è riuscito a vincere la sfida con questo terribile virus – dichiara l’Amministratore unico di Ama Stefano Zaghis – Sono profondamente addolorato.

Ci stringiamo con affetto ai familiari con i quali siamo in contatto e ai quali esprimo la massima vicinanza a nome dell’intera comunità aziendale che rappresento”. 

Il bollettino dello Spallanzani.

“I pazienti Covid 19 positivi sono in totale 115.

Di questi, 20 pazienti necessitano di supporto respiratorio”.

E’ quanto emerge dal bollettino medico di oggi, quindi venerdì 24 aprile, dello Spallanzani di Roma.

“In giornata sono previste ulteriori dimissioni di pazienti asintomatici o paucisintomatici – prosegue il bollettino – I pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali, sono a questa mattina 351”. (Fonte: Ansa).