Coronavirus Napoli. Il mistero del Policlinico vuoto: l’ospedale senza pronto soccorso

di Redazione Blitz
Pubblicato il 17 Marzo 2020 10:54 | Ultimo aggiornamento: 17 Marzo 2020 10:57
Coronavirus Napoli. Lo scandalo del Policlinico vuoto. L'ospedale senza pronto soccorso

Coronavirus, lo scandalo del Policlinico vuoto a Napoli (Ansa)

ROMA – Il Policlinico universitario di Napoli domina dall’alto la città, ma sembra indifferente alle sorti della popolazione, non partecipa al’emergenza da coronavirus. Disporrebbe di mille posti letto, di grandi padiglioni, attrezzature moderne, ma è come abbandonato. Di fatto inutilizzato.

L’ospedale Cotugno sta per esplodere, si lotta contro il tempo per circoscrivere il contagio e curare, tamponare, rianimare. Ma dal Policlinico non un segnale, un aiuto, un’offerta di posti letto, medici, infermieri, tamponi…

Anzi no, ci ragguaglia Nora Puntillo che sul Corriere della Sera ha recuperato questo vecchio mistero napoletano: qui sono stati registrati dei casi di positività da coronavirus tra il personale medico del reparto di Infettivologia. 

Sul resto – corsie deserte, posti letto sprecati, eccellenze mediche inutilizzate – tutto tace. L’imponente complesso è disabitato, non ci sono degenti. E non ci sono perché il grande ospedale è sprovvisto di Pronto soccorso. 

“Il Policlinico è sottoutilizzato perché manca di Pronto Soccorso, unico servizio che può «alimentare» il numero di degenze e l’utilizzazione dei posti letto – scrive Nora Puntillo -. Al pronto soccorso, infatti, devono accogliere tutti, visitare, fare esami, disporre il ricovero in reparto. Per il ricovero nel Policlinico occorre la richiesta del medico di base, la iscrizione in lista d’attesa di solito breve. Tutto tranquillo, con calma e senza affanni”. (fonte Corriere della Sera)