Coronavirus, parla agente penitenziario: “Abbiamo contatti con detenuti positivi”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 Aprile 2020 16:12 | Ultimo aggiornamento: 24 Aprile 2020 16:12
Carcere, foto Ansa

Coronavirus, parla agente penitenziario: “Abbiamo contatti con detenuti positivi” (foto d’archivio Ansa)

ROMA – “Ogni giorno vengo a lavorare con la paura, abbiamo contatti con detenuti anche positivi”.

A parlare all’agenzia Ansa è un agente di polizia penitenziaria del carcere delle Vallette.

Agente che lavora nel reparto dei detenuti in stato di semilibertà.

“Su dieci colleghi – racconta l’agente – due sono risultati positivi, uno è a casa che sta male in attesa di tampone, insieme alla famiglia, un altro è stato in ospedale con una polmonite ma non è chiaro se si tratti di Covid-19”.

“Lavoriamo con agitazione – spiega – Non riusciamo a capire perché non facciano i tamponi a tutti”.

Secondo l’Osapp, l’Organizzazione sindacale autonoma di polizia penitenziaria, nel carcere di Torino i detenuti positivi sono stati sessanta.

Di questi sessanta una trentina dei quali è ancora dietro le sbarre.

Tra gli agenti, invece, i positivi sono stati 14, tra le Vallette e il provveditorato generale.

“Non esisterà mai una fase 2 nelle carceri italiane se non verrà fatta chiarezza sugli errori commessi – spiega Leo Beneduci, segretario generale dell’Osapp – E’ necessario che si facciano i tamponi a tutta la comunità penitenziaria”.

Le parole del segretario nazionale dell’Associazione nazionale dirigenti e funzionari di Polizia penitenziaria.

“La situazione negli istituti penitenziari è di calma apparente, ma occorre cominciare a pensare anche per gli istituti penitenziari alla fase 2”.

A dichiararlo è Daniela Caputo, segretario nazionale dell’Associazione nazionale dirigenti e funzionari di Polizia penitenziaria.

“Sul fronte del personale questo vuol dire – sottolinea – disponibilità di dispositivi individuali di protezione in quantità sufficiente per i ricambi giornalieri e regolari operazioni di sanificazione degli ambienti e dei mezzi; sul fronte della popolazione ristretta, misure utili a contenere eventuali contagi di ritorno”.

“Sul fronte dei numeri – dice Caputo – le scarcerazioni non sono moltissime, ma per fortuna altri strumenti previsti dall’ordinamento hanno permesso una leggera flessione delle presenze.

I video-colloqui stanno funzionando bene e le telefonate straordinarie autorizzate in massa hanno trovato il gradimento della popolazione reclusa.

Ciò nonostante, l’insofferenza maggiore si registra per i ristretti affetti da problemi psichiatrici e di adattamento, per i quali più che di poliziotti il sistema necessita di operatori socio-sanitari.

Ecco perché guardiamo con interesse all’annuncio del reclutamento di tali figure da parte del Governo”.

“Non possiamo certo affermare che l’emergenza sia rientrata completamente, ma una corretta e trasparente informazione all’interno dei penitenziari, volta ad evitare inutili allarmismi tra i detenuti e i loro familiari all’esterno, è lo strumento usato per fronteggiare la situazione”.

. “È evidente che le voci di indulto o amnistie oggi più che mai appaiono strumentali.

Se proprio si vuole affrontare radicalmente il problema delle carceri più che sfollare, occorre investire in edilizia penitenziaria.

Costruire nuove e più moderne carceri.

Allo stesso modo, occorre cominciare a riflettere sul ruolo della Polizia Penitenziaria dentro e fuori dal carcere: il suo mandato istituzionale è quello di assicurare trattamento e sicurezza.

Ma per garantire la sicurezza, e non assistere più a scene come quelle delle rivolte di marzo, sarà necessario investire sull’equipaggiamento e sulla formazione del Corpo”. (Fonte: Ansa).