Coronavirus, il paziente 1 di Aversa guarito: lo aggrediscono al supermercato

di redazione Blitz
Pubblicato il 31 Marzo 2020 11:26 | Ultimo aggiornamento: 31 Marzo 2020 11:26
Coronavirus, il paziente 1 di Aversa guarito: lo aggrediscono al supermercato

Coronavirus, il paziente 1 di Aversa guarito: lo aggrediscono al supermercato (Foto Ansa)

CASERTA – Era andato a fare la sua prima spesa, dopo essersi completamente liberato dall’incubo coronavirus. Ma i suoi concittadini non l’hanno presa affatto bene. Accade ad Aversa, in provincia di Caserta, dove quello che è stato identificato come il paziente 1 è stato aggredito al supermercato. 

A darne notizia è stato il sindaco Alfonso Golia, specificando che l’uomo, guarito totalmente dopo due tamponi negativi e altri giorni di quarantena, è stato accolto come un appestato al supermercato, con scene isteriche e invettive.

Nel piccolo centro la sua identità era nota a tutti, dai vicini di casa la voce si era sparsa in fretta e la paura, ingiustificata, ha fatto il suo corso. “Condanno fermamente questo atteggiamento – ha detto il primo cittadino – e mi auguro che sia la prima e ultima volta che accade”. 

Coronavirus, 197 casi in provincia di Caserta, 18 morti

Dopo giorni di crescita costante ma contenuta (4-5 in media), la provincia di Caserta ha conosciuto una nuova impennata di casi di coronavirus, con un aumento di undici che porta il totale a 197 positivi, rispetto ai 186 di sabato. Tra i contagiati anche un carabiniere ed un quindicenne.

Due i decessi registrati nelle ultime ore per un totale di 18 morti: si tratta di un 70enne di Teano che era ricoverato in terapia intensiva al Covid-Hospital di Maddaloni da diversi giorni. Sono risultati invece negativi i tamponi eseguiti sui familiari, tranne uno di cui si attende l’esito.

Nove invece le persone guarite, la maggior parte delle quali curate con il farmaco per l’artrite, Tocilizumab. L’altra persona deceduta è un cittadino di San Cipriano d’Aversa che prima di contrarre il coronavirus era ricoverato presso una struttura sanitaria di Castel Morrone, sempre provincia di Caserta, e che non aveva più contatti con i familiari dai primi di marzo. In seguito all’aggravarsi delle sue condizioni era stato trasferito presso il nosocomio adibito a Covid-19 a Maddaloni.

Primo caso a Sessa Aurunca dove è risultato positivo al tampone un carabiniere di 24 anni originario della frazione Carano e in servizio a Torino. Il sindaco Silvio Sasso ha rassicurato la cittadinanza spiegando che il giovane era già in isolamento da quando, dodici giorni fa, è rientrato in paese.

Nono caso a Maddaloni: si tratta di un 15enne, parente di un paziente già risultato positivo al Covid-19, che è in isolamento da quindici giorni. Quattordicesimo contagiato ad Aversa (si tratta di un finanziere rientrato dal Nord) e primo caso a Grazzanise (uomo di 60 anni) dove è stato disposto il tampone per il coniuge.

Fonte: Ansa