Coronavirus, uomo è positivo e va a fare la spesa: denunciato

di redazione Blitz
Pubblicato il 11 Marzo 2020 14:15 | Ultimo aggiornamento: 11 Marzo 2020 14:15
tamponi ansa

Coronavirus, uomo è positivo e va a fare la spesa: denunciato (foto Ansa)

SCIACCA (AGRIGENTO) – Nonostante fosse stato trovato positivo al coronavirus faceva tranquillamente la spesa in un supermercato invece di rimanere in autoisolamento.

Sarebbe un inserviente dell’ospedale di Sciacca la persona indagata dalla locale Procura che ha aperto una inchiesta per concorso colposo in epidemia e inosservanza delle normative disposte per far fronte all’emergenza Coronavirus. L’inchiesta è nata dopo una denuncia e la magistratura ha avvisato del caso l’autorità sanitaria. Il reato di epidemia colposa è punito fino a 12 anni.

Coronavirus, questa settimana i dati saranno ancora negativi.

“Purtroppo credo che questa settimana i dati continueranno a essere negativi”. Questa la previsione di Walter Ricciardi, consulente del ministero della Salute, in un’intervista a Radio Capital. I dati che sembravano inizialmente positivi di ieri sera, aggiunge, “mancavano di un numero significativo di tamponi della Lombardia, talmente sotto pressione da non riuscire a fornire i dati per tempo”.

Per quanto riguarda il coordinamento delle misure con altri paesi, abbiamo “un coordinamento forte con Francia, Germania, Spagna, Stati Uniti e Cina. Mentre l’Austria procede per conto suo. Ci siamo incontrati più volte ma il cancelliere procede con misure non concordate”, come quella della chiusura delle frontiere all’Italia. Negli Usa “prima o poi tante persone si presenteranno al Pronto Soccorso persone con la polmonite interstiziale e saranno difficili da curare perché saranno in uno stadio avanzato. La mia previsione è che lì aumenterà il numero dei casi e quindi dei morti”. Non hanno, infatti, prosegue Ricciardi, “la possibilità di fare tamponi perche’ lì va pagato”.

Fonte: Ansa