Coronavirus, a Roma chiusi parchi, aree giochi e ville fino al 25 marzo

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 Marzo 2020 22:58 | Ultimo aggiornamento: 13 Marzo 2020 22:58
Coronavirus, a Roma chiusi parchi, aree giochi e ville

Coronavirus, a Roma chiusi parchi, aree giochi e ville (foto ANSA)

ROMA – Parchi, ville, aree giochi chiusi a Roma. E’ l’ordinanza del Campidoglio firmata dalla sindaca Virginia Raggi. Un provvedimento preso al fine di contenere l’emergenza sanitaria ed evitare ogni possibile occasione di concentrazione di persone.

La misura, valida fino al 25 marzo, è finalizzata a contrastare la diffusione del coronavirus Covid-19. Sono esclusi dal provvedimento le aree e i parchi non recintati, come Villa Borghese, dove è invece previsto un aumento dei controlli per verificare il rispetto delle disposizioni fissate dal Dpcm dell’11 marzo 2019. 

La Raggi ha confermato la disposizione in serata, dopo l’annuncio nel pomeriggio, in apertura alla seduta straordinaria dell’Assemblea capitolina sull’emergenza coronavirus. Una misura presa a seguito del nuovo decreto firmato dal premier Giuseppe Conte, che chiede alla popolazione di rimanere in casa e di limitare gli spostamenti ai soli necessari.

“Le persone vanno ancora nei parchi, complice il bel tempo e alcune indicazioni contrastanti, abbiamo sentito ministri dire che si può andare nei parchi a passeggiare anche se da soli. “È una misura dura ma questo non è il momento di uscire” spiega Raggi. E aggiunge: “Nelle aree verdi non recintate come Villa Borghese andremo a intensificare la presenza degli agenti della polizia locale per evitare che persone stiano in gruppo” ha chiarito Raggi. (fonte ANSA)