Coronavirus. Se viaggi senza motivo, rischi il sequestro dell’auto

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 Marzo 2020 8:51 | Ultimo aggiornamento: 23 Marzo 2020 9:58
Coronavirus. Se esci e circoli senza motivo, rischi il sequestro dell'auto

Coronavirus, se esci rischi il sequestro dell’auto (Ansa)

Coronavirus. Se esci e circoli senza motivo, rischi il sequestro dell'auto

Coronavirus, se esci rischi il sequestro dell’auto (Ansa)

ROMA – Chi non rispetta il divieto di uscire di casa per l’emergenza coronavirus, rischia il sequestro dell’auto. Le disposizioni contenute nell’ultimo decreto prevedono sanzioni penali per i trasgressori, poi sono le procure delle varie città a dare le direttive alle forze dell’ordine sulla loro interpretazione. Specie perché sono nuove e di grande impatto sociale. 

Le procure di Parma, ma anche quella di Lodi, stanno dando istruzioni più severe rispetto al decreto. Per esempio a Parma, dove una circolare della Procura dispone il sequestro preventivo del veicolo per chi viene trovato in strada fuori dal suo Comune senza “comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero spostamenti per motivi di salute”.

Il sequestro preventivo è una misura che funzionerebbe da deterrente più efficace. Questo il ragionamento: la cosa da sequestrare, il veicolo, è tale perché pertinente alla commissione del reato, ne è strumento essenziale. E il ragionamento è quello svolto dalla Corte di Cassazione.

In pratica, se ti sequestrano l’auto (assegnandoti la sua custodia) sarà difficile poi che tu possa riprenderla e uscire dal tuo Comune visto che rischieresti, violando il sequestro, una denuncia per sottrazione di cose sottoposte a sequestro. Che vale la reclusione da sei mesi a tre anni e multa da 51 a 516 euro (da tre mesi a due anni e multa da 30 a 309 euro se il reato è commesso dal proprietario). (fonte Il Sole 24 Ore)