Coronavirus, il vero paziente 1 un anziano a Piacenza? Ricoverato a gennaio, prima di Mattia

di redazione Blitz
Pubblicato il 30 Marzo 2020 11:21 | Ultimo aggiornamento: 30 Marzo 2020 11:21
Coronavirus, il vero paziente 1 un anziano a Piacenza? Ricoverato a gennaio, prima di Mattia

Coronavirus, il vero paziente 1 un anziano a Piacenza? Ricoverato a gennaio, prima di Mattia (Foto Ansa)

ROMA – Potrebbe essere un anziano ricoverato a gennaio in una clinica privata a Piacenza, il vero paziente 1 di coronavirus. A raccontarlo ai microfoni di Report, in onda questa sera su Raitre, è una radiologa della clinica del gruppo Sanna, dove ora ben 150 sanitari su 250 sono in malattia.

Alcuni di loro si sono ammalati ben prima di Mattia, il 38enne di Codogno, identificato come primo caso ufficiale. L’anziano di Piacenza, risultato positivo solo dopo la sua morte, è stato portato via da personale che indossava tute di biocontenimento. 

Secondo l’inchiesta di Report, uno dei medici della clinica avrebbe manifestato i primi sintomi lo stesso giorno della diagnosi di Codogno. Il chirurgo avrebbe poi operato fino al 12 febbraio, per poi scoprire altri 10 giorni dopo a Tenerife di essere positivo al Covid-19.

Non solo, il 17 febbraio un altro anziano sarebbe stato portato via da un’altra clinica del gruppo, risultando in seguito positivo. E nella zona, riferisce sempre la trasmissione di Raitre, già da fine dicembre si registrava un anomalo incremento di polmoniti non rispondenti alle cure. 

Nonostante questo, denuncia Report, nessuno ha dato l’allarme. Eppure una circolare ministeriale del 22 gennaio dava due indicazioni: cercare nei pazienti sospetti un link con la Cina e le polmoniti che non rispondevano alle cure.

In una nuova circolare, cinque giorni dopo, il secondo punto spariva per poi ricomparire solo il 9 marzo.

Fonte: Report