Coronavirus, chi sono le 7 vittime in Italia: tutti anziani e con patologie pregresse

di redazione Blitz
Pubblicato il 25 Febbraio 2020 8:38 | Ultimo aggiornamento: 25 Febbraio 2020 8:42
Coronavirus, chi sono le 7 vittime in Italia: tutti anziani e con patologie pregresse

Coronavirus, chi sono le 7 vittime in Italia: tutti anziani e con patologie pregresse (Foto Ansa)

ROMA – Sono sette, tutti anziani o con patologie pregresse, le vittime del coronavirus in Italia. E salgono anche i contagiati, arrivati a quota 230. Ma gli ultimi positivi si sono registrati tutti nelle zone rosse oppure in zone collegate, non ci sono quindi per ora nuovi focolai.

Il primo morto di cui si è avuta notizia è un pensionato di 77 anni di Vo’ Euganeo: era ricoverato da oltre dieci giorni all’ospedale di Schiavonia, nel Padovano, per precedenti patologi. E’ deceduto il 21 febbraio.

Il secondo caso è in realtà precedente al primo. Si tratta di una pensionata, 77 anni anche lei, è stata trovata ormai senza vita il 22 febbraio nella sua casa di Casalpusterlengo (Lodi). Il test, risultato positivo, è stato effettuato solo post mortem, anche lei soffriva di patologie pregresse.

La terza vittima, sempre in Lombardia, è una donna anziana, paziente oncologica, già ricoverata a Crema in condizioni serissime. Il quarto decesso è avvenuto la notte scorsa: si tratta di un pensionato di 84 anni di Villa di Serio (Bergamo) ricoverato al Papa Giovanni XXIII.

La quinta vittima italiana del coronavirus aveva 88 anni: l’uomo era residente a Caselle Landi, un centro di circa 1.500 abitanti della provincia di Lodi.

Il sesto morto è spirato all’ospedale Sacco di Milano: si tratta di un ottantenne di Castiglione d’Adda. Giovedì scorso era stato portato dal 118 all’ospedale di Lodi per un infarto, stesso giorno in cui era arrivato il 38enne che è stato il primo paziente risultato positivo al virus. L’ottantenne è stato ricoverato in rianimazione e poi, risultato positivo al virus, trasferito al Sacco di Milano dove è deceduto.

Infine, la settima vittima è un 62enne di Castiglione d’Adda (Lodi) dializzato: è morto alle 18.30 di lunedì dopo essere stato trasferito nel fine settimana all’ospedale Sant’Anna di Como, perché risultato essere positivo al tampone per il coronavirus. Nelle ultime ore le sue condizioni sono peggiorate tanto da trasferirlo in terapia intensiva.

Fonte: Ansa