Corsica, Lorenzo Di Fonso si schianta con la moto e muore: era nella legione straniera

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 marzo 2019 11:00 | Ultimo aggiornamento: 26 marzo 2019 11:01
Lorenzo Di Fonso morto in moto in Corsica: era nella legione straniera

Corsica, Lorenzo Di Fonso si schianta con la moto: era arruolato nella legione straniera

ROMA – Ha perso il controllo della sua moto sulla strada verso Calvi, in Corsica, e si è schiantato. Per Lorenzo Di Fonso, 27 anni originario di Montelupone e arruolato nella legione straniera francese, non c’è stato nulla da fare. Il giovane militare è morto sul colpo mentre rientrava in caserma a Camp Raffalli dopo una serata in pizzeria con alcuni amici commilitoni.

Alessandro Caporaletti su Il Resto del Carlino scrive che Di Fonso si è schiantato contro un muretto la sera di sabato 23 marzo intorno alle 23.50, proprio mentre percorreva una curva nei pressi dell’aeroporto di Santa Catalina, a Calvi-Balagne. Subito sono scattati i soccorsi, ma i medici non sono riusciti a rianimarlo. La famiglia del militare, che vive nella provincia di Macerata a Montelupone, è stata avvertita ed è partita per la Corsica.

Di Fonso era entrato nella legione straniera nel 2013, dopo due anni nell’esercito italiano e una selezione durissima. Sono pochi infatti gli italiani che riescono a entrare nel corpo d’élite dell’esercito francese. Il giovane aveva già preso parte a diverse missioni e di recente era entrato a fare parte del gruppo paracadutisti commando (Gcp), una squadra composta da appena 30 persone.

Caporaletti sul quotidiano sottolinea che Di Fonso aveva ricevuto quattro onorificenze: la medaglia d’oro della difesa nazionale con stella di bronzo, la medaglia d’oltremare, la medaglia alla difesa e la croce del combattente. La mattina di mercoledì 27 marzo gli saranno resi gli omaggi militari nella caserma di Camp Raffalli, con cerimonia solenne e picchetto d’onore.

La salma del giovane militare arriverà a Montelupone giovedì 28 marzo, per l’ultimo saluto nell’Abbazia di San Firmano, a cui sarà presente anche una delegazione della legione straniera. Lorenzo lascia il padre, la madre, il fratello e la sorella. (Il Resto del Carlino)