Cosima Serrano: “Dormivo quando Sarah è stata uccisa”

Pubblicato il 24 ottobre 2011 14:12 | Ultimo aggiornamento: 24 ottobre 2011 14:17

TARANTO, 24 OTT – Rendendo dichiarazioni spontanee al gup dinanzi al quale si celebra l'udienza preliminare, Cosima Serrano ha ricostruito anche la giornata del 26 agosto 2010, giorno in cui Sarah Scazzi venne uccisa.

La donna ha detto in particolare di essere rientrata dal lavoro tra le 13,30 e le 13,40 e che ci sarebbero testimonianze al riguardo. Ha quindi mangiato qualcosa, si e' 'rinfrescata' ed e' andata a letto, dove era la figlia Sabrina. Dopo un po' di tempo ha sentito la figlia che si alzava e poi sbattere la porta quando Sabrina e' uscita. Quindi, ha udito la figlia chiedere al padre se avesse visto Sarah.

Cosima si sarebbe svegliata, secondo quanto da lei dichiarato, quando Sabrina l'ha chiamata al telefono per dirle che Sarah non si trovava. La donna avrebbe consigliato alla figlia di recarsi dai carabinieri.