Costa Concordia, l’avvocato di Ciro Ambrosio: “Ci saranno altri indagati”

Pubblicato il 14 Febbraio 2012 16:33 | Ultimo aggiornamento: 14 Febbraio 2012 16:40

GROSSETO – ''E' un'indagine talmente complessa che non credo si possa fermare a due indagati, almeno in questa fase''. Lo ha detto fuori dalla procura di Grosseto il difensore di Ciro Ambrosio, avvocato Salvatore Catalano, parlando con i giornalisti dopo aver avuto un incontro col procuratore capo Francesco Verusio. L'avvocato Catalano, precisando di parlare da tecnico, ha risposto cosi' a chi chiedeva se ritiene possano essere indagate altre persone oltre al comandante Francesco Schettino e al primo ufficiale Ciro Ambrosio, da lui difeso. ''Poi i processi sono lunghi – ha continuato – e le verita' processuali possono mutare in maniera opposta a quella con cui iniziano''.

L'avvocato Catalano ha anche detto che ''l'interrogatorio del suo assistito, Ciro Ambrosio, e' ancora secretato e credo che restera' cosi' fino all'incidente probatorio''. ''Sono estremamente fiducioso sulla posizione del mio assistito'', ha aggiunto ancora il difensore di Ambrosio dicendo che ''ad oggi non ha avuto alcuna convocazione'' dalla procura grossetana. ''Non credo che Ambrosio venga risentito – ha detto ancora l'avvocato Catalano – e poi comunque non ne vedrei la necessita' istruttoria''.

Il difensore di Ambrosio si e' recato dal procuratore Verusio intorno all'ora di pranzo; anche chiedendo di poter avere copia del verbale di interrogatorio del suo assistito, il legale e' stato messo al corrente che si tratta di un atto secretato.