Costa Concordia, Martino Pellegrino: “Schettino non era in grado decidere”

Pubblicato il 24 Gennaio 2012 19:55 | Ultimo aggiornamento: 24 Gennaio 2012 19:56

GROSSETO – Appena saputo che la sala macchine era allagata, ''ho chiesto al comandante (Schettino, ndr) che cosa avrebbe dovuto fare il personale di macchina ma il comandante non mi ha risposto. Qui ho capito che non era in grado di prendere delle decisioni. Ho dato io il comando alla macchina di evacuare''. Lo ha dichiarato Martino Pellegrini, Safety officer della Costa Concordia, ricostruendo i momenti dopo l'urto con gli scogli sul ponte di comando.

''Ho preso per un braccio il comandante Kristidis (secondo comandante di Schettino, che avrebbe pero' dovuto assumere questo incarico il 14 gennaio – ndr) e gli ho detto di dire al Comandante di andare avanti con l'allarme generale. Kristidis l'ha fatto – ha aggiunto Pellegrini – e il comandante ha dato un cenno di consenso. Subito dopo il Trainer Officer ha schiacciato il pulsante di allarme generale''.