Costa Concordia, Schettino dice sì alla proposta di udienza unica

Pubblicato il 30 Gennaio 2012 - 13:58 OLTRE 6 MESI FA

FIRENZE – La difesa del comandante della nave Costa Concordia, Francesco Schettino, ha detto ''si''' alla richiesta fatta dalla procura di Grosseto al tribunale del riesame di Firenze allo scopo di discutere in una sola udienza i ricorsi che le due parti hanno presentato – con obiettivi diametralmente opposti – contro l'ordinanza del gip di Grosseto, che il 17 gennaio scorso scarcero' lo stesso Schettino non convalidando il provvedimento di fermo in carcere e disponendo gli arresti domiciliari. Lo riferiscono fonti vicine all'avvocato Bruno Leporatti, difensore di Schettino.

Nei giorni scorsi la procura grossetana ha chiesto al tribunale del riesame se l'indagato fosse disposto a far discutere il suo appello nella stessa udienza del prossimo 10 febbraio, gia' fissata per esaminare la domanda di riesame presentata dalla procura. Ora si apprende che la difesa di Schettino ha manifestato al giudice del riesame la sua disponibilita' a unificare anche la discussione sulla suo domanda di riesame nella stessa data.

A questo punto il tribunale della liberta' si deve esprimere formalmente se accettare o no le indicazioni delle parti, e stabilire la data dell'udienza, che potrebbe rimanere sempre quella del 10 febbraio, oppure essere sostituita con un'altra.

Come noto, la procura ha chiesto al riesame la conferma del provvedimento di fermo in carcere, mentre la difesa mira alla revoca degli arresti domiciliari, che il gip ha applicato a Schettino per un ipotizzato pericolo di reiterazione del reato.