Costa Concordia, pm: “Schettino capì quando ormai era tardi”

Pubblicato il 1 Marzo 2012 20:41 | Ultimo aggiornamento: 1 Marzo 2012 20:48

GROSSETO – Stabilire in quanto tempo Francesco Schettino seppe che la Costa Concordia era 'persa' e che non rispondeva piu' ai comandi: questo uno dei quesiti che la procura di Grosseto porra' ai suoi periti durante l'incidente probatorio del 3 marzo.

Secondo quanto appreso, parte delle responsabilita' da attribuire a Schettino dipenderanno dall' accertamento del tempo in cui lui realizzo' che la nave era fuori controllo e di conseguenza anche ai tempi con cui cui dette l'allarme generale e l'ordine di abbandono.