Covid, il rapporto Gimbe: frenano i contagi ma aumentano i morti: +49,7% nell’ultima settimana

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 Gennaio 2022 18:15 | Ultimo aggiornamento: 20 Gennaio 2022 18:15
Covid, il rapporto Gimbe: frenano i contagi ma aumentano i morti: +49,7% nell'ultima settimana

Covid, il rapporto Gimbe: frenano i contagi ma aumentano i morti: +49,7% nell’ultima settimana (foto Ansa)

Nell’ultima settimana frenano i contagi ma aumentano i morti. Questo quanto emerge dall’ultimo rapporto della fondazione Gimbe.

Nella settimana 12-18 gennaio, rispetto alla precedente. si registra “una stabilizzazione dei nuovi casi a quota 1,2 milioni e un aumento delle ospedalizzazioni (+2.381) dei pazienti in area medica e in terapia intensiva (+38)”.

Nel dettaglio della crescita dei decessi, dal report emerge che sono “2.266 negli ultimi 7 giorni (di cui 158 riferiti a periodi precedenti), con una media di 324 al giorno rispetto ai 216 della settimana precedente”.

Il rapporto

“Una frenata nazionale della curva che risente di situazioni regionali molto diverse”, spiega Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe. “Resta alta la pressione sugli ospedali – afferma Renata Gili, responsabile Ricerca sui Servizi sanitari della Fondazione Gimbe – in cui i posti letto occupati da pazienti Covid continuano ad aumentare, seppur più lentamente: rispetto alla settimana precedente +14% in area medica e +2,3% in terapia intensiva”. Al 18 gennaio, “il tasso di occupazione nazionale da parte di pazienti Covid è del 29,8% in area medica e del 17,8% in area critica. Ad eccezione di Molise e Sardegna, tutte le Regioni superano la soglia del 15% in area medica, con la Valle d’Aosta che raggiunge il 57,1% – evidenzia il report – ad eccezione di Basilicata e Molise, tutte superano la soglia del 10% in area critica”.

In flessione, lieve, le terapie intensive

“In lieve flessione gli ingressi giornalieri in terapia intensiva – puntualizza Marco Mosti, direttore perativo della Fondazione Gimbe – la cui media mobile a 7 giorni scende a 141 ingressi al giorno rispetto ai 146 della settimana precedente”.