Covid, il primario dell’ospedale di Legnano: “Aprendo uno yogurt ho capito che ero stato contagiato”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 Novembre 2020 13:53 | Ultimo aggiornamento: 14 Novembre 2020 18:28
Roma, 68enne giapponese positiva al Covid scappa dalla casa di cura

Roma, 68enne giapponese positiva al Covid scappa dalla casa di cura (foto d’archivio Ansa)

Il primario dell’ospedale di Legnano Antonino Mazzone: “Pensavo di essere immune, poi ho aperto lo yogurt. Così ho capito di essere contagiato”.

Antonino Mazzone, primario dell’ospedale di Legnano (Milano), ha raccontato al Corriere della Sera il momento in cui ha realizzato di aver contratto il Covid: “Sono sempre stato molto attento, pensavo di essere immune. Poi una mattina mi sono alzato per fare colazione. Ho aperto uno yogurt, sapeva di calce: ho capito subito di essere passato dall’altra parte, quella dei malati”, ha spiegato.

Mazzone rivela di aver avuto paura “perché questa è una malattia subdola, cattiva”. Seppur contagiato e costretto a rimanere a casa, il primario ha continuato a seguire il suo reparto, medicina interna, anche dall’isolamento. Ora il peggio sembra ormai un lontano ricordo: “Posso dire di averla sfangata. Credo mi abbiano aiutato i miei polmoni da nuotatore”, ha detto.

La situazione negli ospedali

Il primario ha commentato anche i dati in Italia della pandemia da Covid degli ultimi giorni: “Se l’andamento dei contagi e dei ricoveri resta questo, possiamo reggere al massimo altri dieci giorni. Poi non so cosa potrebbe succedere”. 

Infine, parlando del suo ospedale, Mazzone ha raccontato che non ci sono più posti liberi: “Per fare posto ai pazienti Covid ci siamo già allargati occupando un reparto di chirurgia e uno di otorinolaringoiatria. Ci salviamo solo perché ogni giorno c’è qualcuno che esce: dimissioni se va bene, morte se va male”. (fonte CORRIERE DELLA SERA)