Crisi, imbianchino diventa rapinatore: arrestato,

Pubblicato il 11 Marzo 2010 19:53 | Ultimo aggiornamento: 11 Marzo 2010 19:55

Un semplice imbianchino di 58 anni si è trasformato in un rapinatore a causa della crisi, dello sfratto, della separazione dalla moglie e della passione per il Gratta e Vinci che, in breve tempo, lo hanno portato a commettere dieci rapine in dieci giorni. L’uomo è stato arrestato ieri a Firenze.

Modus operandi sempre lo stesso: volto scoperto, in pugno una pistola, una 357 magnum regolarmente detenuta. Entrava nei negozi del centro e si faceva consegnare i soldi e usciva indisturbato e senza mai essere violento. In un occasione ha addirittura chiesto scusa a una delle sue vittime. Era notte quando è entrato in un albergo e al portiere ha detto questa è una rapina. L’uomo gli ha spiegato che non c’erano soldi e lui voltandosi gli ha chiesto scusa.

Il bottino delle rapine, che servivano a pagarsi l’affitto in un albergo del centro, a mangiare e a vestirsi, ammonta a circa tremila euro.

Ai carabinieri ha spiegato di essere disperato, senza lavoro e rimasto senza la moglie che lo aveva lasciato tornando a vivere dalla madre con le due figlie e che non aspettava altro che essere preso.