Cristian Di Marco in coma alle Barbados: gli amici fanno una colletta per riportarlo in Italia

di redazione Blitz
Pubblicato il 27 Dicembre 2019 16:58 | Ultimo aggiornamento: 7 Gennaio 2020 14:19

Barbados (Foto archivio Ansa)

ROMA – Da lunedì scorso è in coma all’ospedale Queen Elizabeth di Bridgetown, capitale delle Barbados. Cristian Di Marco, fabbro di 43 anni residente a San Giorgio di Mantova, è stato colpito da un malore di cui ancora non si conosce l’origine. Ma per riportarlo a casa servono tra i 130 mila e i 160 mila euro che la famiglia al momento non ha. Per questo gli amici hanno dato vita a una colletta che già nel primo giorno sta riscuotendo molte donazioni.

Cristian era sbarcato sull’isola caraibica lo scorso 18 dicembre, per una vacanza con la famiglia. Ma già dalla partenza, secondo alcune testimonianze, lamentava dolori alla testa, alla schiena e ad un orecchio. Una volta giunto a destinazione il quadro è peggiorato nonostante l’assunzione di antinfiammatori; a quel punto lunedì si è recato al pronto soccorso locale dove gli è stato somministrato del cortisone. Subito dopo è entrato in coma.

I medici nella cartella clinica, giudicando la situazione molto grave, hanno indicato come causa un cocktail di farmaci oppure una meningite, ma, denunciano i familiari, basandosi su una diagnosi affrettata, stilata senza nemmeno aver effettuato una Tac.

Ad aggravare la sua situazione c’è il fatto che l’artigiano è partito senza assicurazione e per il suo rientro in Italia servono parecchi soldi. “Contiamo di raggiungere la cifra necessaria già in serata – dicono gli amici – per far partire l’aeroambulanza di Europ assistance già pronta per il decollo”.

A seguire la famiglia sul posto il console onorario italiano, in contatto costante con la Farnesina.

Fonte: Ansa