Cucchi, l’appello di Riccardo Casamassima: “Dopo la crisi di governo, occupatevi anche della mia situazione”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 21 Agosto 2019 10:21 | Ultimo aggiornamento: 21 Agosto 2019 10:21
Riccardo Casamassima, Facebook

Riccardo Casamassima (foto Facebook)

ROMA – “Dopo la crisi di governo, occupatevi anche della mia situazione: sono stato trasferito e isolato per aver detto la verità”. Riccardo Casamassima, supertestimone del processo Cucchi, lancia un appello a Luigi Di Maio:

“Appena risolvete questa crisi, vi prego di interessarvi alla mia situazione. Il processo Cucchi è stato riaperto dopo la mia testimonianza, oggi ne pago le conseguenze a discapito di tutta la mia famiglia. Mi negano di ricongiungermi alla mia famiglia, con dei giochetti mi hanno fatto perdere 800 euro al mese, più 400 euro di spese per viaggiare. Guadagno meno di 900 euro al mese”.

Non è la prima volta che Casamassima lancia un appello su Facebook:

 “Avevo manifestato la mia paura ad andare a testimoniare – ha detto tempo fa – Mi avevano detto di stare attento perché dal comando generale c’erano troppe pressioni. Eccole, le pressioni: un altro trasferimento. L’ultima cosa che mi sarei immaginato. Le mie paure si sono concretizzate: mi è stato notificato un trasferimento presso la scuola. Io sarò allontanato da casa, sarò demansionato e andrò a lavorare a scuola dopo essere stato per vent’anni per la strada”. Il militare fa poi appello “alle alte cariche dello Stato, perché dicano se è giusto che una persona onesta debba subire questo trattamento”.

Fonte: Facebook, Leggo.