Cura il cancro al seno da un naturopata: donna muore a 46 anni

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 marzo 2018 10:28 | Ultimo aggiornamento: 14 marzo 2018 10:32
(foto d'archivio Ansa)

(foto d’archivio Ansa)

PORDENONE – Una donna di 46 anni è morta dopo aver chiesto aiuto a un naturopata, un guru della cosiddetta “medicina alternativa”, per curare il suo cancro al seno. A parlare di questo caso è l’oncologo del Cro di Aviano (provincia di Pordenone) Massimiliano Beretta, precisando che la vicenda è avvenuta un anno fa.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela

“Ho seguito i consigli di un naturopata che conoscevo da anni, ma che si è rivelato poi un lupo travestito da agnello”, aveva scritto nel 2016 la donna, che però si è decisa troppo tardi a rivolgersi agli oncologi.

Nell’email che la paziente ha inviato dalla Sicilia al medico dell’Istituto Tumori friulano per presentare il proprio caso, si legge ancora che la definizione di “lupo travestito da agnello” è “sin troppo generosa per questo personaggio che praticava radioestesia, fiori di Bach, metodo Hamer e poi mi ha ridotta in fin di vita, dolorante, con problemi respiratori, debilitata e sottopeso di 10 chili. Sono precipitata da 42 a meno di 30 in qualche settimana”.

. “Mentre lei credeva di sottoporsi a una terapia efficace, la malattia avanzava in modo ancor più aggressivo – ha spiegato Beretta – perché non incontrava l’ostacolo della chemioterapia e soprattutto si diffondeva in un organismo ormai privo di difese. Le parole di quella donna mi risuonano ancora nella testa e di questo caso parlo spesso durante i convegni, perché non si discute mai abbastanza dei trattamenti non convenzionali che non sono per forza di cose dannosi, ma devono essere valutati sempre da un medico”.

E’ indispensabile che queste terapie non interferiscano con le cure – ha aggiunto Beretta -. Per fare un esempio, l’aloe può compromettere l’attività terapeutica di ciascuna sostanza, con il risultato di una riduzione o talvolta di un potenziamento del suo effetto che nei casi più gravi può giungere sino all’intossicazione. Il problema sta assumendo dimensioni notevoli: le stime ufficiali parlano di un paziente oncologico su due che nell’arco del proprio percorso terapeutico fa ricorso a terapie non convenzionali”.