Daisy Osakue, De Pascali (Pd), il papà di uno dei lanciatori di uova: “Solo una bravata”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 agosto 2018 9:56 | Ultimo aggiornamento: 4 agosto 2018 9:56
daisy uova

Daisy Osakue, De Pascali (Pd), il papà di uno dei lanciatori di uova: “Solo una bravata”

TORINO – “Mio figlio è un cretino, di certo non un tiratore scelto. Ha mirato ai cassonetti, a gruppi di persone sporcando al massimo i vestiti. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] Poi ha ferito in modo serio la persona più sbagliata che potesse capitargli”. Lo dice a Repubblica Roberto De Pascali, capogruppo del Pd di Vinovo e padre di Federico, uno dei lanciatori di uova che hanno colpito Daisy Osakue, l’atleta di Moncalieri (Torino) rimasta ferita ad un occhio.

De Pascali non giustifica suo figlio: “È indifendibile, lui come i suoi amici”. “Si tratta – dice De Pascali – davvero solo di un gesto stupido di un gruppo di ragazzi che hanno spento il cervello. Chi non ha fatto delle bravate da ragazzo? Di norma non succede niente. Se ti va male, e può capitare, ti beccano e rischi guai. Se ti va male al quadrato, come in questo caso, finisci su tutti i giornali. Per questo dico che hanno colpito la persona sbagliata, di peggio avrebbero potuto ferire solo CR7”.

“A prescindere da quello che sarà il corso giudiziario di tutta questa vicenda – fa quindi sapere – Federico riceverà una punizione esemplare. Farà il servizio civile per almeno due mesi dove deciderò io. Ma credo che la lezione l’abbia già imparata e abbia capito che lo scherzo di una sera può avere conseguenze pesantissime. Si è comportato da deficiente ed è giusto che paghi, ma voglio riportare questo episodio nella giusta misura. Di sicuro mio figlio non ha voluto colpire Daisy per le sue origini, il razzismo non c’entra”.