Daniele Piervincenzi: “Mi dissero ecco che cosa vi succede se rompete a Ostia”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 30 marzo 2018 14:14 | Ultimo aggiornamento: 30 marzo 2018 14:15
La testata di Roberto Spada a Daniele Piervincenzi

I momenti precedenti alla testata di Roberto Spada a Daniele Piervincenzi

ROMA – “Di quella giornata ho sopratutto il ricordo di un ragazzo, credo un passante, che mentre ci allontanavamo sanguinanti ci disse: ‘questo è quello che vi succede se venite a rompere a Ostia’”.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela

Questo uno dei passaggi chiave della testimonianza resa in aula da Daniele Piervincenzi, il giornalista Rai aggredito con un suo collega il 7 novembre scorso da Roberto Spada e Ruben Alvez Del Puerto.

Rispondendo alle domande del pm Giovanni Musarò, il giornalista della trasmissione “Nemo-nessuno escluso”, ha ricostruito cosa avvenne dentro e fuori la palestra gestita dall’esponente del clan Spada. “Il tema dell’intervista era quello della tornata elettorale nel decimo municipio; l’attualità politica – ha spiegato Piervincenzi – La domanda scomoda era quella sul sostegno degli Spada a Casapound, l’unica alla quale Roberto Spada voleva sottrarsi. Spada non ha mai espresso la volontà di interrompere l’intervista: è stata una escalation di cui io ingenuamente non mi sono reso conto. Dopo una fase dialettica la situazione ha cominciato a cambiare”. Il giornalista ha raccontato che il fratello di Romoletto ad un certo punto ha preso da dentro la palestra un manganello: “Era un po’ inquietante. Era inaspettato perché lui cambiava spesso atteggiamento, in alcuni momenti sembrava più arrabbiato, in altri dialogava o mi prendeva in giro. Ad un certo punto ha cominciato a guardarsi intorno, poi mi ha colpito improvvisamente con una testata. Per un momento non ho visto più nulla, poi ho sentito il manganello sulla schiena”.