Davide Bifolco, autopsia: “Proiettile entrato dal petto, uscito dalla schiena”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 settembre 2014 14:36 | Ultimo aggiornamento: 10 settembre 2014 14:36
Davide Bifolco, autopsia: "Proiettile entrato dal petto, uscito dalla schiena"

Davide Bifolco (Foto Ansa)

NAPOLI – Il proiettile che ha ucciso Davide Bifolco è entrato dal petto e uscito dalla schiena. Questo l’esito dell’autopsia sul corpo di Bifolco, rimasto ucciso durante un inseguimento per un colpo esploso da un carabiniere.

A rendere noto l’esito dell’autopsia è stato Fabio Anselmo, avvocato della famiglia Bifolco, che ha dichiarato:

“Alle 12.30 ho assistito insieme con i consulenti all’esame esterno del cadavere. Sono sereno perché per la prima volta noto con soddisfazione che a differenza di altre situazioni vi è un totale accordo tra i consulenti: l’esame ha evidenziato il foro d’entrata del proiettile in petto ed il foro d’uscita alla schiena. Questo elemento ed il risultato della Tac di ieri sono punti di partenza molto solidi per le successive indagini”.

Anselmo ha poi aggiunto:

“Ritengo assolutamente prematuro e completamente sbagliato trarre conclusioni a conferma o a smentita delle varie tesi”.