Davide Mazzella morso da ragno violino: ha rischiato amputazione gamba

di Redazione Blitz
Pubblicato il 6 agosto 2018 21:44 | Ultimo aggiornamento: 6 agosto 2018 22:04
Morso dal ragno violino, Davide Mazzella rischia amputazione

Davide Mazzella morso da ragno violino: ha rischiato amputazione gamba

LIVORNO – Un uomo ha rischiato l’amputazione della gamba dopo essere stato morso da un ragno violino nel parco di San Rossore, alle porte di Pisa. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] L’episodio è avvenuto a inizio estate e dopo il morso la gamba si è gonfiata per via di una grave infezione. Dopo un primo ricovero, Davide Mazzella, autotrasportatore di 53 anni di Livorno, è stato trasportato al centro anti-veleni di Milano, dove è stato curato.

Il quotidiano Il Tirreno scrive che l’uomo si trovava nel parco con la famiglia per una scampagnata, quando ha sentito un leggero prurito alla gamba e ha visto un puntino rosso. Poi nell’arco di 24 ore l’infezione si è diffusa e la gamba si è gonfiata. Al quotidiano ha raccontato:

“Dopo la gita a Pisa, ho cenato e dormito tranquillamente. Il giorno dopo ho notato il puntino rosso e nel giro di poco la gamba e il piede si sono così gonfiati da non riuscire a infilare la scarpa”.

Dopo due giorni all’ospedale di Livorno, Mazzella è stato trasferito al centro anti-veleni di Milano, dove è stato curato e l’amputazione dell’arto è stata scongiurata. “C’è voluto un mese e mezzo di antibiotici per guarire, ho avuto paura”, ha raccontato dopo l’ultima medicazione ora che è in via di guarigione.

Il caso del camionista livornese non è l’unico registrato nell’ultimo periodo. Pochi giorni fa un vigile di Terni di 59 anni è stato morso al braccio nel giardino della sua casa. Il veleno iniettato dal ragno e il suo morso possono veicolare batteri anaerobi, che cioè vivono senza ossigeno, che sono in grado di creare danni alla cute, ai muscoli e nei casi più gravi anche ai reni.