Denise Pipitone, attesa per la sentenza. Jessica Pulizzi rischia 15 anni

di Redazione Blitz
Pubblicato il 27 Giugno 2013 9:24 | Ultimo aggiornamento: 27 Giugno 2013 9:24

deniseMARSALA (TRAPANI) – Denise Pipitone, le ultime notizie. Oggi (giovedì 27 giugno) la sentenza sul caso Denise Pipitone, la bambina scomparsa da Mazara del Vallo il primo settembre 2004. Il tribunale di Marsala deciderà se Jessica Pulizzi è colpevole o meno del reato di sequestro di Denise Pipitone.

Il pubblico ministero, ovvero l’accusa, ha chiesto per lei 15 anni di reclusione. Denise è scomparsa da Mazara del Vallo (Tp) il primo settembre 2004, quando aveva poco meno di 4 anni.

”Una serie di indizi – hanno affermato i pm nella requisitoria – inducono a ritenere che Jessica sia stata l’autrice del sequestro. E’ colpevole senza alcun dubbio. Anche se non può aver agito da sola. Contro di lei gli indizi sono chiari, univoci e convergenti”. Alla richiesta dell’accusa si sono associati i legali delle parti civili (gli avvocati Giacomo Frazzitta, per Piera Maggio, madre di Denise, Vito Perricone, per Piero Pulizzi, e Luisa Calamia, per Antonino Pipitone, padre della bambina scomparsa), che non hanno chiesto un risarcimento in denaro, ma soltanto che la piccola ”venga restituita ai loro cari”.