Denise Pipitone, “Jessica Pulizzi vicino casa quando venne sequestrata”

Pubblicato il 15 Marzo 2012 22:40 | Ultimo aggiornamento: 15 Marzo 2012 22:55

MARSALA (TRAPANI), 15 MAR – ''Nelle ore in cui venne rapita Denise Pipitone, Jessica Pulizzi (sorella per parte di padre della piccola), o almeno il suo telefono cellulare, era nella zona in cui abitava la bambina sequestrata''. E non a casa, come la sorellastra della bambina scomparsa ha dichiarato agli investigatori. E' quanto emerge dalla complessa perizia svolta dal consulente della Procura di Marsala, Gioacchino Genchi, sull'enorme mole di contatti telefonici intercettati dagli inquirenti, dopo il sequestro avvenuto il primo settembre 2004.

Una perizia sulle cui risultanze Genchi ha iniziato a riferire ieri davanti al Tribunale di Marsala e continuera' a farlo nell'udienza del 17 aprile prossimo. Subito dopo il sequestro della bambina, inoltre, Jessica Pulizzi, imputata per concorso in sequestro di minorenne, avrebbe fornito agli inquirenti che le chiedevano il numero del suo cellulare un'utenza che non utilizzava piu' gia' da qualche tempo.