Derubano pazienti e familiari. Mille euro di bottino per i ladri del Cardarelli di Napoli

Pubblicato il 4 Giugno 2010 13:06 | Ultimo aggiornamento: 4 Giugno 2010 13:06

L'ospedale Cardarelli di Napoli

Sono stati derubati in ospedale, proprio mentre erano andati a trovare i propri cari nel Portafogli con carte di credito e documenti reparto di Neurochirurgia del Cardarelli di Napoli. Portafogli, pieni di soldi, carte di credito e documenti: un bottino di oltre un migliaio di euro. Il furto è stato messo a segno da una persona, che però potrebbe aver avuto dei complici, che ha approfittato del viavai di parenti  per ripulire le ignare vittime.

Il furto è avvenuto martedì, durante l’orario serale di visite. Gennaro Alborino, odontotecnico di Grumo Nevano era andato a trovare il padre e stava facendo quattro passi in corridoio quando ha sentito una signora urlare ‘mi hanno rubato il portafoglio!’. “Così – racconta l’uomo – siamo tornati in camera e ci siamo resi conto di aver subito la stessa sorte. Il ladro, infatti, non aveva risparmiato nemmeno noi e sebbene il lasso di tempo in cui eravamo rimasti fuori era stato solo di pochi minuti era riuscito ugualmente a ”ripulire” le borse sia di mia madre che di mia cugina”.

Oltre a loro e alla paziente che ha gridato, anche altre due persone sono state derubate del portafogli. “Abbiamo controllato ovunque – aggiunge l’odontotecnico – per vedere se il ladro aveva lasciato qualche traccia ma, l’unica cosa che abbiamo ritrovato, è stato il portafoglio di una signora che era stato gettato in una stanzetta adibita al deposito attrezzi per le pulizie. Naturalmente – conclude l’uomo con amarezza – era vuoto”.

Le vittime hanno chiamato immediatamente il 113 ma della refurtiva neanche l’ombra: quando gli agenti del commissariato di polizia del Vomero sono arrivati in ospedali non hanno potuto far altro che raccogliere le deposizioni delle vittime. “Dopo il fatto gli infermieri ci guardavano attoniti a loro volta, mentre tutt’intorno non c’era né un medico né una guardia giurata. Mi hanno detto, poi che la guardia giurata che di solito è giù all’ingresso aveva finito il suo turno ed era andata via”.

Non è la prima volta che un episodio del genere si verifica al Cardarelli. “La cosa che mi ha sconcertato di più – conclude Alborino – è che solo dopo ho saputo che un furto analogo si era verificato proprio nella mattinata di martedì presso il reparto di Oculistica dello stesso ospedale Cardarelli. Possibile che nessuno ha pensato di intensificare la sorveglianza?”.