Desaparecidos di origine italiana: 21 rinviati a giudizio a Roma

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 ottobre 2014 15:54 | Ultimo aggiornamento: 13 ottobre 2014 15:54
Desaparecidos di origine italiana: 21 rinviati a giudizio a Roma

Desaparecidos di origine italiana: 21 rinviati a giudizio a Roma

ROMA – Per 23 desaparecidos di origine italiana il gup di Roma ha rinviato a giudizio 21 esponenti delle giunte militari e dei servizi di sicurezza di Bolivia, Cile, Perù e Uruguay in carica tra gli anni ’70 e ’80. Sono accusati, a vario titolo, della morte di 23 cittadini che avevano origine italiana.

Il processo è stato fissato dal gup Alessandro Arturi al 12 febbraio prossimo davanti ai giudici della terza Corte d’Assise. Nei confronti degli imputati l’accusa è di omicidio plurimo aggravato e sequestro di persona. Il giudice ha fatto cadere per tutti, per un vizio di procedibilità, il reato di strage e ha stralciato la posizione di altri nove, già processati e condannati nei loro paesi d’origine, con trasmissione degli atti al ministero della giustizia per valutare se debbano o meno essere giudicati in Italia.

Le attività di repressione degli oppositori avvennero all’interno del cosiddetto Piano Condor. La chiusura dell’inchiesta risale a tre anni fa e riguardava 140 persone (tra le quali anche 59 argentini, 11 brasiliani e 6 paraguayani) ma problemi burocratici legati alla notifica e la morte di numerosi esponenti delle giunte militari hanno fatto scendere il numero dei soggetti a rischio processo. Le indagini sono durate circa dieci anni.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other