Didattica digitale a distanza con attività sincrone e asincrone: ecco cosa prevedono

di redazione Blitz
Pubblicato il 22 Ottobre 2020 14:43 | Ultimo aggiornamento: 22 Ottobre 2020 14:43
Didattica digitale a distanza con attività sincrone e asincrone: ecco cosa prevedono

Didattica digitale a distanza con attività sincrone e asincrone: ecco cosa prevedono(Foto d’archivio Ansa)

Attività sincrone e asincrone sono i due pilastri su cui si fonda la Didattica digitale a distanza dell’era Covid introdotte dal ministero dell’Istruzione. Ecco cosa prevedono

“Ogni istituzione scolastica del Sistema nazionale di istruzione e formazione definisce le modalità di realizzazione della didattica digitale integrata, in un equilibrato bilanciamento tra attività sincrone e asincrone”: è quanto prevedono le Linee guida per la Didattica digitale integrata emanate dal ministero dell’Istruzione lo scorso agosto. 

Ma che cosa si intende esattamente per attività sincrone e asincrone? 

Le attività sincrone

Le attività sincrone sono quelle che prevedono la videolezione, quindi con l’interazione diretta di insegnante e alunno.

La videolezione, che avviene sulla piattaforma scelta dalla scuola, può essere impostata in vari modi. Può, tra le altre cose, essere volta allo svolgimento di elaborati o test, che siano in forma individuale o collettiva, ma sempre con la presenza dell’insegnante. 

La modalità sincrona è quella che più si avvicina alla lezione in classe. 

E quelle asincrone

Nelle attività asincrone, invece, agli studenti vengono recapitati compiti e materiali per il loro svolgimento. Non ci sono, quindi, vincoli di orario.

Si può trattare di studio autonomo o in gruppo del materiale didattico digitale che l’insegnante ha fornito. Oppure si può avere lo studio su materiale indicato dall’insegnante. O ancora, ci può essere il caso di attività di produzione scritta relativamente alle varie discipline. 

Nel complesso la principale differenza tra attività sincrone e asincrone è il rapporto di interazione tra docente e studente, presente nelle prime e assente nelle seconde. (Fonti: Universo Scuola, Ministero dell’Istruzione)