Dimitri Fricano uccise la fidanzata per le briciole di pane: condannato a 30 anni

di redazione Blitz
Pubblicato il 26 ottobre 2018 19:22 | Ultimo aggiornamento: 26 ottobre 2018 19:22
Dimitri Fricano uccise la fidanzata per le briciole di pane: condannato a 30 anni

Dimitri Fricano uccise la fidanzata per le briciole di pane: condannato a 30 anni

OLBIA – Uccise la fidanzata che lo aveva rimproverato per le briciole di pane. Per questo Dimitri Fricano, 30 anni di Biella, è stato condannato a 30 anni di carcere. Il giovane, reo confesso, accoltellò ripetutamente la fidanzata Erika Preti, il 12 giugno 2017, in una villetta di San Teodoro, in Sardegna, dove la coppia era in vacanza. 

Il gup di Nuoro Mauro Pusceddu ha accolto la richiesta del pm Riccarco Belfiori che aveva chiesto il massimo della pena, tenuto dello sconto dovuto al rito abbreviato. Fricano non era presente all’udienza, c’erano invece i genitori di Erika, Fabrizio Preti e Tiziana Suman.

Secondo l’accusa, Fricano era perfettamente in grado di intendere e di volere quando ha commesso il delitto. Lo dimostrerebbero le perizie, ha ricordato il pm, commissionate dal giudice e dalla pubblica accusa. Relazioni depositate agli atti e contestate dalla difesa, rappresentata dagli avvocati Roberto Onida e Alessandra Guarini, e dai consulenti di parte. A loro avviso l’imputato al momento del fatto presentava “una sintomatologia tale da compromettere in modo parziale la capacità di volere”.

Per Fricano, su cui pende l’accusa di omicidio volontario aggravato dalla crudeltà con la simulazione della rapina, la difesa aveva chiesto una pena più contenuta perché avrebbe agito in stato di ira determinato da un fatto ingiusto: secondo gli avvocati il giovane quella mattina “non ha reagito ai futili motivi della caduta delle briciole di pane ma ha reagito alla coltellata che gli è stata inferta dalla fidanzata”, al culmine di una lite legata al rimprovero di Erika per delle briciole di pane che Dimitri avrebbe fatto cadere.