Disinnesco bomba Battipaglia: anziana sfollata muore nel centro di accoglienza

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 Settembre 2019 15:51 | Ultimo aggiornamento: 8 Settembre 2019 15:51
Disinnesco bomba Battipaglia: anziana sfollata muore nel centro di accoglienza

Disinnesco e rimozione di una bomba d’aereo a Battipaglia (Ansa)

NAPOLI – Un’anziana di 86 anni è morta a Battipaglia (Salerno) mentre si trovava nel centro di accoglienza allestito nei locali dell’istituto “Sandro Penna”. La donna, già gravemente malata, era stata evacuata domenica mattina nell’ambito delle operazioni di disinnesco dell’ordigno bellico risalente alla Seconda guerra mondiale e trasportata nella struttura destinata all’accompagnamento dei malati fragili (dove sono ospitate altre 83 persone).

Le sue condizioni sono improvvisamente precipitate. I medici in servizio al centro di accoglienza hanno provato a rianimarla ma non c’è stato nulla da fare. Gli agenti della Polizia di Stato hanno comunicato la notizia del decesso alla Procura della Repubblica di Salerno. La salma, al momento, si trova all’interno di una tenda della Croce Rossa Italiana.

Sono in totale 36.177 (19.995 famiglie) le persone che domenica non sono potute restare restare nelle case ricadenti nella “zona rossa”, cioè quelle che si trovano nel raggio di 1.600 metri dal luogo del ritrovamento della bomba d’aereo. “I cittadini devono lasciare le loro abitazioni. Evacuazione in corso”, è la voce registrata che, a ripetizione, si è sentita dalle 5 nelle strade della cittadina alle porte della Piana del Sele. Le forze dell’ordine hanno presidiato i varchi di chiusura, impedendo l’accesso a chiunque. (Fonte Ansa).