Disoccupato scrive a Berlusconi: lui gli invia 50mila euro

di Redazione Blitz
Pubblicato il 7 gennaio 2014 9:10 | Ultimo aggiornamento: 7 gennaio 2014 11:16
Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi

PORDENONE – Un disoccupato scrive un biglietto, una lettera di sfogo a Berlusconi e lui gli risponde con tre assegni da 50mila euro. E’ la storia, pubblicata dal Gazzettino, di  Mario Padovan, 45 anni, disoccupato di Pordenone ma residente a Roma con sua moglie Tomasina Pisciottu, 40 anni, originaria della Sardegna, in attesa di due gemellini.

La lettera pubblicata dal Gazzettino

E’ Tomasina a raccontare la storia al Gazzettino:

Signora Pisciottu, ci racconti questa storia.
«Né io né mio marito abbiamo un lavoro. Lui è stato licenziato per la crisi ed è caduto in una profonda crisi depressiva. Ai primi di dicembre ho scritto una lettera di auguri di Natale al Presidente Berlusconi nella quale raccontavo la mia vita e la mia storia. Qualche giorno fa mi arriva una lettera da villa San Martino. L’ho aperta con il cuore in gola e all’interno della busta ho trovato un biglietto di auguri e tre assegni circolari per un valore di euro 50mila intestati a me che abbiamo già incassato».

Sarà quasi svenuta: è una cifra mica da ridere. 
«Sì, non ci sono parole per descrivere quello che ho provato. Vi dico solo che ai miei figlioli, quando cresceranno, continuerò a dire che Babbo Natale esiste».

Chiamerà Silvio uno dei due pargoli in arrivo?
«Non abbiamo ancora pensato a questa possibilità (ride, i piccoli nasceranno a maggio, ndr). Sono consapevole che molti di voi giornalisti non amate Berlusconi ma, al di là di quello che può aver fatto o non fatto, con me è stato un uomo meraviglioso e generoso, al contrario di tanti altri che potevano fare qualcosa e non hanno fatto nulla».

La notizia del Gazzettino è stata ripresa dal Mattino, dal Fatto Quotidiano e dal Messaggero ma qualcuno parla di bufala:  i ragionieri di Silvio Berlusconi infatti non ricordano Tomasina e nemmeno il gesto generoso del Cavaliere.

Il sito “Bufale un tanto al chilo” spiega:

Ciccini miei del MATTINO e del GAZZETTINO, la legge è chiara in merito, gli assegni circolari in Italia già da un po’ non possono esser d’importo superiore ai 5000 euro, quindi la vostra notizia sui soldi donati da Berlusconi ad un povero disoccupato che gli aveva fatto gli auguri di Natale, è FUFFA, FUFFA di quella grossa, fatta ad uso e consumo di lettori disattenti…che spero abbandonino la vostra testata per sempre, non meritate lettori che ci cascano. Sorry! Sulla nostra pagina Facebook mi è stato inoltre fatto notare che il biglietto di Berlusconi per Tomasina sia identico a quello ricevuto dall’altra bella bufala di questi giorni, Nicolina Capra, peccato che dopo la sbufalata/sputtanata fatta tanti degli articoli siano ora spariti e non abbia ritrovato un immagine valida…se la vedete segnalatemela!