Docente troppo severa? Vendetta a luci rosse sul web

di Irene Pugliese*
Pubblicato il 9 Febbraio 2010 12:17 | Ultimo aggiornamento: 9 Febbraio 2010 12:17

Finire su una linea erotica di Internet per essere stata troppo severa. È capitato ad una professoressa di matematica di Cosenza che, assediata improvvisamente da telefonate di focosi giovanotti sul suo cellulare, ha scoperto che qualcuno aveva pubblicato il suo nome e il suo numero sul web. A giocarle il brutto tiro cinque studenti del suo liceo che, infuriati per i brutti voti e le punizioni inflitte dalla docente, per loro troppo esigente, hanno deciso di vendicarsi in questo modo: “disonorandola” sulla rete.

Probabilmente nato come un gioco, lo scherzo si è rivelato invece agli occhi della professoressa davvero di cattivo gusto. L’insegnate, sconvolta e impaurita da tutte quelle richieste bollenti, ha deciso di andare a fondo alla faccenda. Navigando nella rete ha trovato la vetrina virtuale su cui erano state pubblicate le informazioni su di lei, con tanto di annuncio firmato. Per questo si è rivolta alla Polizia postale che ha raccolto lo sfogo della donna in un’articolata informativa.

Subito sono partite le indagini, sotto il coordinamento del procuratore Dario Granieri e del pm Giuseppe Casciaro, per stanare l’autore della vendetta. I detective della Polposta sono riusciti, tramite le tracce virtuali lasciate dagli studenti, a identificarne uno che è stato denunciato non solo per molestie via web ma anche per violazione della privacy. Il ragazzo ha confessato subito, ammetendo le sue responsabilità e facendo i nomi degli altri quattro amici con cui aveva organizzato lo scherzo. Altro che i brutti voti e le note disciplinari della professoressa troppo esigente, il desiderio di vendicare i loro insuccessi scolastici in matematica è stato pagato con una bella denuncia.

*Scuola giornalismo Luiss