Domenico Cutrì, la madre: “Non volevano far male a nessuno”

di redazione Blitz
Pubblicato il 10 febbraio 2014 14:53 | Ultimo aggiornamento: 10 febbraio 2014 14:53
Domenico Cutrì, la madre: "Non volevano far male a nessuno"

Domenico Cutrì

BUSTO ARSIZIO (VARESE) – “Non volevano far male a nessuno”, lo ha detto la madre di Domenico Cutrì, l’ergastolano evaso e catturato dopo sei giorni di fuga, in Tribunale a Busto Arsizio per l’udienza di convalida del fermo dell’altro fratello Daniele. Maria Antonietta Lantone, questo il nome della donna ha ribadito davanti al giudice che i figli ”non volevano far male a nessuno, e quello era un atto dimostrativo contro la condanna all’ergastolo”.

Nei giorni scorsi la donna aveva sostenuto che Domenico era stato condannato ingiustamente all’ergastolo per l’omicidio di un polacco che, secondo la ricostruzione dell’accusa, era stato ucciso, su ordine di Domenico, per aver mostrato interesse nei confronti della sua fidanzata.

Daniele Cutrì, il più giovane dei fratelli, è accusato di aver fatto parte del commando per l’evasione di Domenico: non era riuscito a salire a bordo della Nissan dentro la quale si trovava l’arsenale della banda ed era fuggito a piedi. Dopo aver vagato un paio di giorni era tornato a casa, dove i carabinieri l’hanno arrestato.

Il commando è entrato in azione mentre Domenico entrava nel tribunale di Gallarate, dove doveva partecipare a un’udienza di un processo per truffa. L’udienza è stata rinviata a martedì. Il processo si terrà a Busto Arsizio in quanto, dopo quanto è accaduto lunedì scorso, è stato disposto che le udienze con detenuti si tengano unicamente nel tribunale bustese. Martedì, tra le altre cose, è prevista l’udienza di convalida del fermo dello stesso Cutrì. Non è ancora certo che l’ergastolano si presenti.