Don Luigi Ciotti schiaffeggia impiegato: non voleva più lavorare in nero…

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 Agosto 2014 14:51 | Ultimo aggiornamento: 8 Agosto 2014 14:51
Don Luigi Ciotti schiaffeggia impiegato: non voleva più lavorare in nero...

Don Luigi Ciotti (Foto LaPresse)

ROMA – Don Luigi Ciotti ha schiaffeggiato e preso a pedate un suo impiegato, Filippo Lazzara, che voleva un regolare contratto. Poi colto dal rimorso ha confessato di averlo picchiato e gli ha scritto una lettera di scuse.

Antonio Amorosi su Libero quotidiano ricostruisce la storia che vede protagonisti Don Ciotti, fondatore di Libera, e un lavoratore siciliano, Filippo Lazzara, “reo” di essersi rifiutato di lavorare a nero:

“Lazzara aveva depositato l’esposto nel 2011, ma lo ha reso pubblico solo qualche giorno fa pubblicando la notizia sulla propria bacheca Facebook. I fatti: ancora nel 2010, Filippo lavorava con un contratto a tempo indeterminato in un supermercato a Partinico, in provincia di Palermo. È uno di quelli che non ama l’omertà mafiosa – caratteristica preziosa e rara da quelle parti – e si impegna nel sociale con dedizione. Conosce don Ciotti e dopo un confronto col prete si convince a denunciare per infiltrazioni mafiose l’impresa per cui lavora, pesantemente collusa con alcune cupole”.

Lazzara si espone e rinuncia al contratto a tempo indeterminato:

“Eppure Lazzara si espone, anche perché una promessa di don Ciotti lo ha convinto che può esserci anche per lui un altro tipo di futuro. La proposta è trasferirsi in Piemonte e lavorare per don Ciotti stesso”.

Poi nel 2010 si trasferisce al nord:

“«Don Ciotti mi fa lavorare per alcuni mesi presso la Certosa», scrive nella denuncia e «precisamente presso l’associazione 15-15». Di seguito viene trasferito all’associazione «Filo d’erba» del gruppo Abele, che fa sempre capo a don Ciotti. Non è in regola e tenta ripetutamente di incontrare il fondatore di Libera per avere un contratto ed essere finalmente a norma come promesso. Nel marzo del 2011, nella sede del gruppo Abele di Torino, dopo tanti tentativi riesce a ottenere un confronto diretto, ma lo scambio verbale presto degenera. Don Ciotti passa alle mani e – stando alla ricostruzione dello stesso Lazzara – lo colpisce con pugni e calci. Il ragazzo, rimasto basito, viene poi allontanato dalla scorta del prete”.

Per il ragazzo una visita al pronto soccorso e 10 giorni di prognosi. Poi arriva la lettera di Don Ciotti:

“Scrive di pedate, il sacerdote, e tenta di fare ammenda: «Quelle pedate le merito io». Lazzara al telefono conferma la propria versione: «Oltre a essere stato picchiato, mi hanno fatto terreno bruciato intorno. Non avevo un lavoro e non sapevo dove sbattere la testa. Lui è un intoccabile». L’uomo cerca di spiegarsi: «Denunciare lui è come denunciare Nelson Mandela. Chi mi crede? Chi starà dalla mia parte? Per me tutte le porte si sono chiuse. Per il peso che ha, in certi ambienti, don Ciotti è come il Papa. Ma ricevere dei cazzotti dal Papa è una cosa che ti lascia scosso. Se questa è l’antimafia…»”.