Donna trovata morta in casa a Milano: è stata soffocata

Pubblicato il 14 Novembre 2011 14:52 | Ultimo aggiornamento: 14 Novembre 2011 15:00

MILANO – Maria Brugato, la donna di 55 anni trovata morta nel suo appartamento di via Raffaello Sanzio a Milano lo scorso 8 novembre, potrebbe essere stata uccisa.

Il decesso, che in un primo momento sembrava da addebitarsi a un malore, è ora seguito dalla Squadra mobile, che indaga con l’ipotesi di omicidio. A far propendere per quest’ipotesi è stato il risultato dell’autopsia, eseguita nello scorso fine settimana.

Secondo i patologi, infatti, la morte sarebbe stata provocata da un’asfissia meccanica esterna. La donna, in altre parole, sarebbe stata soffocata.

Quel giorno la donna, che esercitava il mestiere di prostituta, aveva ricevuto almeno due clienti, e l’attenzione degli investigatori si concentra quindi sull’ultima persona che l’ha vista (che però potrebbe anche non essere stato un cliente). La stessa che, forse, ha portato via quanto c’era nel suo portafogli e un orologio che lei aveva al polso.

Anche in questo caso, però, dato che la porta era socchiusa e che abitualmente c’era un certo viavai, non è detto che il ladro sia la stessa persona che l’ha aggredita. E non è nemmeno da escludersi che la morte sia avvenuta nell’ambito di qualche gioco erotico estremo.