Cronaca Italia

Donna soffocata nel letto a Livorno: polizia ferma 4 persone

Quattro persone sono state fermate dalla polizia come indiziati per l’omicidio di Jessica Karina Labezzaris Munoz, la prostituta ecuadoriana di 35 anni trovata soffocata nel suo letto in un’abitazione a Vada, in provincia di Livorno, mercoledì scorso. Di tre arresti scrive il Tirreno, una quarta persona è stata fermata la notte scorsa dopo essere stata individuata a Torino. In corso le ricerche di un quinto sospettato.

Per tutti l’accusa è di omicidio e rapina. I fermati, tutti brasiliani, sono: un’amica della vittima, sua coinquilina, Judit Dolores Viejo Enriquez, 32 anni, il fidanzato di quest’ultima, Riberio Diogo Carvalhais, 24, e Fernando Gomes Da Silva, 31 e Rodrigo Romagnoli, 35. Secondo quanto emerso i presunt assassini avrebbero agito per rapinare la donna che, in base a confidenze fatte all’amica, era riuscita a mettere insieme una certa somma di denaro, circa 30mila euro.

Un colpo pianificato, non l’omicidio, secondo gli investigatori: gli aggressori avrebbero infilato un pezzo di stoffa in bocca alla donna per farla stare zitta, finendo poi per soffocarla. Tra i punti di svolta dell’indagine, condotta dalla squadra mobile di Livorno e dal commissariato di Rosignano, l’ individuazione del cellulare della donna uccisa, portato via dagli assassini, che i fermati avrebbero acceso e al quale avrebbero anche risposto dopo la morte della Labezzaris Munoz e gli interrogatori durante i quali i sospettati si sarebbero contraddetti.

To Top