Donna pubblica video e foto intimi dell’ex: è il primo caso di “codice rosso” per un uomo

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 Ottobre 2019 11:27 | Ultimo aggiornamento: 3 Ottobre 2019 11:27
Donna pubblica video e foto intimi dell'ex: è il primo caso di "codice rosso" per un uomo

Foto Ansa

ROMA – Perseguita e diffonde video e foto intime dell’ex compagno. Scatta il divieto di avvicinamento. A eseguire la misura del gip di Agrigento, i carabinieri della Compagnia di Cammarata. Colpita dal provvedimento una donna, residente nel territorio, indagata per diffusione illecita di immagini o video sessualmente espliciti, il “revenge porn” introdotto dalla recente legge sul “codice rosso”. Si tratta in questo caso della prima volta che viene applicato per un uomo.

La donna, incapace di accettare la fine della relazione con l’ex compagno, aveva iniziato a perseguitarlo. Una escalation rapidissima di aggressività, culminata con la pubblicazione sul web di filmati e foto che riprendevano momenti intimi della coppia.

Carcere fino a sei anni e multa fino a 15 mila euro, prevede infatti la nuova legge contro la violenza sulle donne (“Codice rosso”) sul revenge porn. Chiunque invii, consegni, ceda, pubblichi o diffonda immagini o video di organi sessuali o a contenuto sessualmente esplicito, destinati a rimanere privati, senza il consenso delle persone rappresentate, è punito con la reclusione da uno a sei anni e la multa da 5000 a 15000 euro.

La stessa pena si applica a chi, avendo ricevuto o comunque acquisito le immagini o il video li invia, consegna, cede, pubblica o diffonde senza il consenso delle persone rappresentate al fine di recare loro nocumento. La pena è aumentata se i fatti sono commessi dal coniuge, anche separato o divorziato, o da una persona che è o è stata legata da relazione affettiva alla persona offesa ovvero se i fatti sono commessi attraverso strumenti informatici o telematici. (Fonte Agi).