Tragedia della Dora Baltea: oltre alla mamma e al figlio, gettato in acqua anche il cane

Pubblicato il 8 Aprile 2010 17:16 | Ultimo aggiornamento: 8 Aprile 2010 17:16

Voleva togliere la vita anche al loro cane, un beagle. L’animale, però, è l’unico ad essere sopravvissuto alla follia di Federica Forcella, la madre di 36 anni che ha messo fine alla sua vita e a quella del figlio Mattia, 8 anni appena, gettandosi in un canale della Dora Baltea a Quassolo, in provincia di Torino.

I carabinieri hanno ritrovato l’animale che gironzolava, bagnato e impaurito, vicino ai due cadaveri, nel cortile della centrale elettrica, dove il sistema di filtraggio delle acque li aveva scaraventati. «L’ho vista ieri sera a mezzanotte, mi sembrava tranquilla», dice senza darsi pace il padre della donna, Fiorenzo. «Soltanto qualche giorno fa aveva comprato una lavatrice nuova – racconta – e non mi sembra che una persona che vuole suicidarsi faccia una cosa del genere. Nel suo cervello, deve essere scattato qualcosa di imperscrutabile..».

Disperato anche l’ex suocero della donna, Antonio, accorso sul luogo della tragedia. «Perché uccidere anche Mattia, perché?» si domanda l’uomo pensando alle sorti del nipote. «Era un bambino – lo ricorda tra le lacrime – intelligente e pieno di vita…».