Droga: 96 ovuli di cocaina nello stomaco, arrestato corriere cileno all’aeroporto di Pisa

Pubblicato il 5 agosto 2010 15:01 | Ultimo aggiornamento: 5 agosto 2010 15:18

La guardia di finanza di Pisa ha arrestato, in due distinte operazioni, altrettanti corrieri della droga sorpresi con due chili di stupefacenti appena sbarcati all’aeroporto Galilei. In manette sono finiti un cileno di circa 40 anni, che aveva ingerito 96 ovuli contenti oltre un chilo di cocaina liquida, e un toscano di 45 anni sorpreso con quasi un chilo di hashish, nascosto nel vaso di una composizione floreale. Entrambi sono accusati di traffico internazionale di droga.

Il cileno è stato controllato dopo essere sbarcato da un volo proveniente dal Sudamerica, via Parigi, e il suo nervosismo ha insospettito i militari che lo hanno sottoposto a una radiografia scoprendo il “carico” all’interno dello stomaco.

La cocaina liquida, una volta riportata allo stato solido e confezionata in migliaia di dosi, avrebbe fruttato centinaia di migliaia di euro nel mercato dello spaccio.

L’italiano aveva invece nascosto l’hashish in un doppio fondo ricavato in un vaso di una confezione floreale contenuta in valigia, per sfuggire al controllo delle unità cinofile.

Dall’inizio dell’anno i finanzieri in servizio al Galilei hanno arrestato sette persone (cinque delle quali avevano ingerito ovuli contenenti cocaina) e denunciate altre 118, sequestrando più di 3 chili di cocaina, oltre un chilo di hashish e 162 grammi di marijuana.