Roma. Ville, società e un palazzo: sequestrati beni per 10 milioni di euro al pregiudicato “gattino”

Pubblicato il 21 Novembre 2010 10:25 | Ultimo aggiornamento: 21 Novembre 2010 10:32

Societa’ immobiliari, ville e una palazzina per un valore di oltre 10 milioni di euro, appartenenti ad un pregiudicato romano della zona Casalotti a Roma, Walter Domizi di 49 anni, noto come ”il gattino”, detenuto dall’ottobre del 2008 per traffico internazionale di cocaina, sono state sequestrate dai carabinieri del Gruppo di Ostia.

I militari hanno apposto i sigilli alle societa’ immobiliari Gio.Fa. srl e Dabliudi’ srl, ad una lussuosa villa con piscina e parco privato nella zona di Boccea – Casal Selce, a due ville al mare (a Terracina e Ladispoli), ad una palazzina in localita’ Selva Candida di Roma ed altri immobili. Sono state poi sequestrate anche autovetture e motocicli, tra le quali una Ferrari F430 F1. Il sequestro e’ stato disposto dal Presidente della Sezione Misure di Prevenzione, Guglielmo Muntoni, su richiesta dei sostituti Procuratori della Direzione Distrettuale Antimafia di Roma Roberto Staffa e Giuseppe de Falco.

Il provvedimento rientra nell’indagine ”Coca Rent” avviata nel 2007 dal Nucleo Investigativo Carabinieri di Ostia che ha smascherato una vasta organizzazione, con a capo Domizi e composta da italiani e sudamericani che importava dalla Spagna ingenti quantitativi di cocaina. Nel corso dell’attività, svolta con la collaborazione dell’Equipo Delinquencia Antidroga y Organizada (Edoa) della Guardia Civil di Barcellona, sono stati sequestrati oltre 80 chili di droga e arrestate 32 persone. Gran parte degli indagati sono stati giudicati con rito abbreviato nel luglio scorso, quando il Gup del Tribunale di Roma Massimo Di Lauro ha inflitto condanne per complessivi 123 anni di reclusione e 550 mila euro di multa. La pena maggiore, pari a 18 anni di reclusione e 100 mila euro di multa, e’ stata inflitta proprio a Domizi.