Elena Ceste, Giallo: “Michele Buoniconti incastrato dal cellulare. Alle 9 era nel canale”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 Dicembre 2014 15:36 | Ultimo aggiornamento: 12 Dicembre 2014 15:36
Elena Ceste, la copertina di Giallo

Elena Ceste, la copertina di Giallo

ASTI – È il settimanale Giallo a pubblicare la notizia: Michele Buoniconti, il giorno dell’omicidio della moglie Elena Ceste, secondo le analisi effettuate sul suo cellulare, dopo aver accompagnato i figli a scuola alle nove era nel canale di scolo dove è stato ritrovato il cadavere della donna. Come scrive Giallo delle analisi effettuate dagli inquirenti sul cellulare di Michele Buoniconti è emerso che il giorno del delitto l’uomo dopo aver accompagnato i figli a scuola, è tornato a casa e pochi minuti dopo si è diretto verso il canale di scolo, quello dove alla fine è stato ritrovato il cadavere di Elena. Non quindi verso le 9, 9.30 come aveva dichiarato.

Secondo la ricostruzione degli inquirenti, citate da Giallo e anche da Libero, alle 8.55 il telefono di Michele Buoniconti aggancia non la cella di casa sua (come aveva dichiarato) ma quella nei pressi del canale. E da lì il marito di Elena Ceste, e non da casa, avrebbe chiamato la vicina per chiedere notizie della moglie. Un particolare non da poco e alquanto strano, come nota Libero: “Gli inquirenti si sono chiesti come mai un uomo che torna a casa e non trova la moglie chiama prima la vicina e non la moglie”.