Elena Ceste, un amico di Michele Buoninconti: “In carcere è come un leone in gabbia”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 25 febbraio 2015 10:47 | Ultimo aggiornamento: 25 febbraio 2015 10:47
Michele Buoninconti

Michele Buoninconti

ASTI – “È come un leone in gabbia” dice, intervistato da La Nuova ProvinciaSandro Caruso, un amico di Michele Buoninconti, l’uomo accusato e in carcere per l’omicidio della moglie, Elena Ceste.

“Abbiamo dato vita ad un gruppo su Facebook – spiega Caruso – per dimostrargli il nostro sostegno e la nostra fiducia, perché crediamo nella sua innocenza. In questi ultimi tempi ci siamo visti spesso, prendevamo un caffè insieme. E ho voluto andare a trovarlo in carcere per rimanergli vicino anche in questo momento difficile e delicato”.

In carcere, racconta Caruso, Michele Buoninconti “va d’accordo con il suo compagno di cella e con gli altri detenuti, che scherzano e fanno anche qualche battuta con lui. Legge la Bibbia e i giornali e guarda la tv. Mi ha chiesto anche notizie dei figli e voleva persino darmi dei dolci da portare a casa ai miei bambini”.

5 x 1000

“In queste settimane ha ricevuto visite solo dal fratello che vive a Torino e dai suoi legali, oltre alla mia – aggiunge il costigliolese –- Gli ho promesso che sarei tornato a trovarlo e lui aspetta la mia visita”.