Picchiato in discoteca 1 mese fa, si getta dal 3° piano in ospedale: è morto

Pubblicato il 1 ottobre 2012 22:50 | Ultimo aggiornamento: 1 ottobre 2012 23:18

PARMA – Emanuele Zanna si è tolto la vita gettandosi dal terzo piano dell’ospedale Cardinal Ferrari di Fontanellato, in provincia di Parma. Zanna, 36 anni e originario di Giulianova di Teramo, era ricoverato da un mese. Era stato picchiato all’esterno di una discoteca di Roseto degli Abruzzi, dove stava festeggiando il compleanno della sorella e per il suo pestaggio è indagato un buttafuori. Inutili i soccorsi, Zanna è morto il 1 ottobre all’ospedale Maggiore di Parma.

La storia di Zanna inizia il 31 agosto scorso, quando l’uomo fu ricoverato per i gravi traumi riportati dal pestaggio. Secondo le indagini, scrive l’Ansa, Zanna fu spintonato e colpito con dei pugni prima di cadere a terra e battere la testa. Soccorso, fu prima ricoverato d’urgenza nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Teramo in gravi condizioni. Dopo l’uscita dal coma farmacologico, il trasferimento a Fontanellato per iniziare la riabilitazione.

La notte tra il 30 settembre ed il 1 ottobre è scattato il suo gesto estremo. La camera in cui era ricoverato è stata posta sotto sequestro e sull’accaduto stanno indagando i carabinieri di Fontanellato. Per l’aggressione in discoteca sono state indagate quattro persone, fra cui lo stesso buttafuori.