Emily Formisano, la mamma Renata Dyakowska indagata insieme al gestore delle piste da sci

di redazione Blitz
Pubblicato il 6 gennaio 2019 9:54 | Ultimo aggiornamento: 6 gennaio 2019 9:56
Emily Formisano, la mamma Renata Dyakowska indagata insieme al gestore delle piste da sci

Emily Formisano, la mamma Renata Dyakowska indagata insieme al gestore delle piste da sci (Foto Ansa)

BOLZANO – Renata Dyakowska, 38 anni, mamma di Emily Formisano, è stata iscritta nel registro degli indagati per la morte della figlioletta di 8 anni, deceduta in un incidente in slittino sulle Alpi serentine in Alto Adige.

La procura di Bolzano ha aperto un’inchiesta sulla morte di Emily e come primo atto ha disposto il sequestro della pista nera del Corno del Renon, imboccata per sbaglio dalla mamma della bimba, di Reggio Emilia, ancora ricoverata in gravissime condizioni all’ospedale di Bolzano.

Insieme alla donna la Procura ha iscritto nel registro degli indagati il responsabile della società che gestisce il comprensorio sciistico del Corno del Renon.

5 x 1000

Renata Dyakowsk e la figlia venerdì 4 gennaio avevano noleggiato una slitta, ma invece di scendere alla stazione intermedia della cabinovia e prendere la pista per gli slittini, sono salite a monte. Per raggiungere la loro destinazione sono scese, forse per sbaglio, per la pista da sci che però, essendo una pista ‘nera’, era molto ripida. Un errore fatale: mamma e figlia sul loro slittino hanno preso velocità, andandosi a schiantare contro un albero. E la piccola è morta sul colpo.

Il pm titolare dell’indagine ha compiuto un primo sopralluogo sulla pista, anche per accertare se le protezioni collocate lungo il tracciato della pista ‘nera’ riservata a sciatori esperti erano sufficienti. E dai primissimi accertamenti sarebbe emerso che all’inizio della pista nera il cartello era solo in tedesco, mentre l’avviso esplicativo verticale con il simbolo di divieto alle slitte sarebbe stato posto più un basso, a circa cento metri sotto, a discesa già iniziata. Un dato che scatena la polemica politica.

“La rimozione sui sentieri di montagna da parte dei gestori e ora anche sulle piste da sci di indicazioni fondamentali in italiano ora si può capire a quali tragedie possa portare”, dice il consigliere provinciale Alessandro Urzì (L’Alto Adige nel cuore Fratelli d’Italia), che ora auspica che “cambi radicalmente l’approccio verso il tema del rispetto della lingua italiana con la nuova giunta”. “Si può rischiare o perdere la vita se le avvertenze sulla pericolosità di un luogo sono solo in lingua tedesca”, avverte, parlando di “responsabili morali”. “E’ paradossale che, con tutti i turisti italiani che frequentano le piste altoatesine, si pensi sia sufficiente apporre dei cartelli solo in lingua tedesca”, osserva il consigliere comunale di Bolzano Claudio Della Ratta (Pd), che ritiene sia “assolutamente da chiarire” tutta la vicenda.